Passa ai contenuti principali

Il Cristoforetto e l’autarchia a casa mia

Ormai mi sono fatta contagiare dai tanti blog di risparmio e autoproduzione: sarà anche che una delle mie più grandi preoccupazioni è ‘non fare la fame in famiglia’ (visti gli esigui stipendi), ma pare che una delle più grandi tecniche di risparmio sia il ‘chi fa da sé fa per tre’.
E dopotutto il tag quel che passa il convento l’avevo già inaugurato. Si tratta solo di espandersi.
A pane, pizza, mobili, vestiti e universo criato.
Okay, ma andiamo con calma che sennò scatta la botta di ansia e non combino più nulla.
Per esempio, si potrebbe cominciare da un biscotto facile facile, leggero (leggi: senza burro) che serva per la merenda di Mr T e per la colazione…che si prepari velocemente e senza sprechi, magari mentre guardo la TV.
Ed ecco che trovo questa ricettina ‘mpress ‘mpress.
250 farina
200 zucchero
1 bicchiere olio di semi (se si preferisce il burro: 120 gr)
Un uovo
1 pizzico di lievito
Lavorare zucchero, olio e uovo fino a farne una cremina liquida, cui aggiungo la farina setacciata più lievito.
Con la pasta elastica ottenuta ricavo tanti strisciotti che inforno per 7/8 minuti a 200°.
Posso aggiungere a piacere altro per aromatizzare: gocce di cioccolato, noccioline, mandorla, cereali…
Il risultato è una bomba! Buonissimi!!
E soprattutto, molto sazianti. Tant’è che Mr T li ha ribattezzati…
“Amore, stasera mi prepari i cristoforetti col muesli?”
“scusa…come li hai chiamati?”
“Cristoforetti! Perché se ne mangi uno, poi ti possono lanciare nello spazio 6 mesi senza patire fame…”
Annamo bene.

Commenti

  1. ^_^

    io non sono per niente brava a risparmiare :(
    Cioè non che spenda chissà chè, anzi, sono molto oculata però il sapone fai da te, il riciclo a oltranza proprio non è nelle mie corde.
    Però se entro anche nel gorgo di questi siti Andrea mi chiede il divorzio

    RispondiElimina
  2. Dimenticavo: impara bene a cucire così puoi fare i vestitini a paffutella :D
    Da piccola avevo un vestitino che mi piaceva tantissimo (non che me lo ricordi, ce l'ho sulle foto) il corpetto fatto all'uncinetto e poi con una gonnellina di semplice stoffa :D

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Sì, l'autoproduzione però da meno dipendenza...proveremo con gonna e maglioncino per Leopy (l'uncinetto non saprei manco da che parte iniziare :/)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Essenzialmente usare gli oli essenziali è essenziale

Son grasse soddisfazioni sapere che un proprio post genera domande perché significa che può essere utile a qualcuno.
Quindi scrivo questo post su come uso gli oli essenziali...ma sappiate che lo scrivo dal punto di vista della cavia umana e non del guru !   Quindi se qualche navigante avesse suggerimenti di altri utilizzi me li lasci nei commenti , può essere utile .
Partiamo dal presupposto che, avendo due gatti e una catapecchia della peggior specie (problemi di umidità ,  legno troppo stagionato ecc) quando vivevo a Inculonia ho cominciato a usare detersivi il più possibilenaturali e fai da te. In primo luogo mi spiaceva che i gatti potessero entrare in contatto con detersivi pericolosi semplicemente camminando sul pavimento bagnato .  Poi avevo letto su ALTROCONSUMO che -se si pulisce ogni giorno - aceto ,  Marsiglia e bicarbonato sostituiscono egregiamente i detersivi commerciali. Insomma, con la casa cadente pulire ogni giorno era il minimo ! e una volta fatta l'abitudine , …