Passa ai contenuti principali

amalo e listalo!

Ciao a tutti!
Una ormai trentasettenne torna alla ribalta, con tutto il suo panzone...La Panciorella sta bene dove sta, e a dirla tutta le sono molto grata di non essere nata il giorno del mio compleanno. Infatti, essermi sposata vicino al mio compleanno e in coincidenza con l'onomastico ha già ridotto le occasioni di festa...Non mi illudo; se la mia piccola fosse nata lo stesso mio giorno, non avrei più ricevuto un 'auguri' per sbaglio! beh, forse un mazzo di ravanelli da Mr T, ma giusto perchè crescono nel nostro orticello...
Che vi racconto stavolta?
Sono sempre alle prese con la cameretta: sto cercando disperatamente e "in direzione ostinata e contraria" a quell'accumulatore seriale di Mr T di svuotare e ricollocare le cose che non c'entrano in altri posti di casa: lavanderia, ripostiglio, garage...questione tutt'altro che facile, come potete immaginare!
Ma com'è? com'è che non gli riesce nemmeno di buttare via i cartoni?! in casa nostra ci sono ancora confezioni di telefonini rottamate anni fa: "può sempre servire".
(Ed è qui che viene utile l'essere sola, a casa in maternità...Io BUTTO DI NASCOSTO...!)
Eppure, ci sono persone che vivono con il minimo: esiste il "movimento delle 100 cose"
Tutto nasce dal manuale "la sfida delle 100 cose" di Dave Bruno. Il concetto è: la crisi ci ha reso poveri? tanto vale impoverirci di più! eliminiamo il più possibile il superfluo per vaccino contro il comprare ancora.
EHHHH??
In realtà il numero è un feticcio, serve per evitare di aggiungere troppo, e avere un obiettivo finale. Okay, la faccenda si fa più ragionevole e se ne può parlare. Anche perchè in caso contrario, solo conteggiando i capi d'abbigliamento del mio armadio in stile 333 sono a superare il numero di cento cose: e non mi sento di eliminare altro!
Però devo dire che mi affascina il concetto di avere una lista delle cose senza le quali farei fatica. Le mie 100 al quadrato cose. Cosa sarebbero? se potessi salvare da un incendio solo 100 cose, saprei cosa portare via?
Paradossalmente sì, le ho tutte chiare in testa.
Dalla cucina prenderei microonde, macchina del pane, le due tazze da caffè di guzzini con il cuore (regalo di nozze), e la padella più comoda che ho, col manico lungo e antiaderente. Il resto...si ricompra, in fondo non è così essenziale per il mio cuoricino. Dal salotto...
Mi piacerebbe fare una lista in questo spirito per tutta la casa e con ogni cosa che ho...il perchè è molto semplice: se avessi sempre chiaro cosa è amato, cosa è utile, cosa può servirmi davvero e cosa meno, diventerebbe ancora più facile identificare cosa può farsi benedire senza complimenti, cosa -una volta rotto - non avrà bisogno di essere sostituito...e così via.
E' una piccola impresa anche solo chiarirlo a se stessi...se riuscirò a listare...beh, almeno una foto a imperitura memoria la pubblicherò!

Commenti

Post popolari in questo blog

COSSSS’EEEEEEH???! - STORIA DI UNA GRAVIDANZA INASPETTATA

i gruppi di whatsapp

A quanti gruppi di whatsapp siete iscritti?
Attualmente sono a quota 7. Un paio li ho pure mollati per strada.
Nella fattispecie erano i gruppi più 'psyco', quelli dove si annida lo stalker della qwerty che ti manda il massaggio pure per dirti che sta andando in bagno e la carta igienica è ruvida.
Il gruppo di whatsapp è specchio della vita sociale che fai.
C'è il gruppo "Camera cafè" (del caffè coi colleghi)
"I Kattivoni " (per sparlare dei colleghi che prendono il caffè)
"Domenica e festivi" (per la vita familiare)
"I Maledets" (quelli che bevono l'aperitivo tra colleghi ma NON invitano tutti)
"Gli allegri compari di Sherwood" (che l'aperitivo lo offrono proprio a tutti)
...e via dicendo.
Ci sono quelli che ti fanno scoprire le persone. Tipo il gruppo "La casa della prateria", creato coi vicini di casa: con quello, ho scoperto che sono finita ad abitare in una comune hippie.
Ci sono quelli di autoaiuto. …

Le pezze are back

Innanzitutto un applauso alla ministra Lorenzin.
No, perché obiettivamente è difficile,  difficilissimo far arrabbiare almeno 3 milioni di italiani ogni volta che si apre bocca: ma lei ce la fa ogni volta.
Striscia la notizia ha intervistato la nostra in merito alla campagna di Civati contro la tassazione degli assorbenti al 22%. La ministra ha giustamente dichiarato di appofappoggiare l'iniziativa,  Salvo poi sbrodolare con un : "mica si può tornare all'800 con le pezze di cotone".
I beg  your pardon?
CERTO, CERTISSIMO CHE SI PUÒ! E aggiungerei: si deve.
Come sapete per Pannolina uso pannolini lavabili. Ma durante il periodo del puerperio mi sono convinta e sono passata anche per me al lato lavabile del ciclo.
Diciamo che un'episiotomia fatta in modo agghiacciante e particolarmente dolorosa da rimarginare mi ha convinta a utilizzare 2 assorbenti lavabili che avevo comprato,  più per curiosità che per convinzione,  ad una fiera. La svolta!morbidi,  lisci, molto p…